Messe latine antiche nelle Venezie
Venezia
| Belluno | Bolzano | Gorizia | Mantova | Padova | Pordenone | Treviso | Trieste | Udine | Verona | VicenzaVittorio Veneto

 

 

Tradizionalisti: il Papa
manda segnali

Celebrata a Roma, dal cardinale DarÝo Castrillˇn Hoyos una messa secondo il messale antico, detto di san Pio V. Presenti diversi cardinali e oltre duemila fedeli. Un segnale importante che speriamo venga accolto

di Andrea Tornielli

 

Continuano e si moltiplicano i segnali di apertura e di attenzione della Santa sede verso il mondo dei tradizionalisti: Giovanni Paolo II vorrebbe sanare la ferita dello scisma lefebvriano del 1988 e fin dal 2000 ha incaricato il card. DarÝo Castrillˇn Hoyos, colombiano, Prefetto della Congregazione per il clero e presidente della Pontificia Commissione "Ecclesia Dei", di avviare contatti per far rientrare la FraternitÓ San Pio X nella comunione con Roma. Non Ŕ dato di sapere che esito avranno queste trattative, ma Ŕ certo che il cardinale ha voluto manifestare la sua vicinanza anche e soprattutto a quei tradizionalisti che giÓ sono in piena comunione con il Papa: per questo, aderendo alla richiesta di vari gruppi e associazioni, Castrillˇn lo scorso 24 maggio ha celebrato una messa secondo il messale antico nella Basilica di S. Maria Maggiore. Era dal tempo dell'entrata in vigore del nuovo Ordo Missae post-conciliare che un autorevole porporato in carica ai vertici di un importante dicastero vaticano non celebrava secondo quel messale in una Basilica romana. E per l'occasione, Castrillˇn ha voluto pronunciarsi in modo molto chiaro sulla legittimitÓ di questa liturgia. "Il rito cosiddetto di san Pio V - ha detto durante l'omelia - non si pu˛ considerare come estinto e l'autoritÓ del Santo Padre ha espresso la sua benevola accoglienza verso i fedeli che, pur riconoscendo la legittimitÓ del rito romano rinnovato secondo le intenzioni del Concilio Vaticano II, rimangono legati al precedente rito". Il cardinale ha quindi ricordato che in una cappella laterale, a pochi metri dall'altare maggiore della Basilica, Ŕ conservato e venerato il corpo di san Pio V, il papa domenicano del quale il messale porta il nome, perchÚ fu lui a stabilire - in un'epoca burrascosa a causa della riforma protestante - che la liturgia celebrata a Roma divenisse quella usata in tutta la Chiesa latina. Castrillˇn ha spiegato che questa "veneranda forma liturgica" ha alimentato l'infanzia e la giovinezza di Karol Wojtyła, che ha celebrato in questa forma la sua prima messa da sacerdote e da vescovo. E ha aggiunto: "L'antico rito romano conserva quindi nella Chiesa il suo diritto di cittadinanza nella multiformitÓ dei riti cattolici, sia latini che orientali. Ci˛ che unisce la diversitÓ di questi riti Ŕ la stessa fede nel mistero eucaristico, la cui professione ha sempre assicurato l'unitÓ nella Chiesa, santa, cattolica e apostolica". Com'Ŕ noto nel 1988, con il motu proprio Ecclesia Dei afflicta, Giovanni Paolo II concesse l'indulto invitando i vescovi - ai quali spetta la decisione in merito - a concedere l'uso del messale di san Pio V nell'ultima edizione disponibile, quella del 1962. Lo fece per far sý che, dopo lo scisma di monsignor Lefebvre, i fedeli rimasti legati a quella forma liturgica potessero rimanere nella comunione con Roma.

Purtroppo, nonostante le richieste siano abbastanza rare e i gruppetti che le presentano piuttosto esigui, in molte diocesi i vescovi fanno fatica a concedere l'indulto: non rispondono oppure rispondono negativamente. La messa di S. Maria Maggiore aveva anche lo scopo di far vedere che per la Santa Sede questi particolari fedeli non sono di serie "B". E per giustificare pienamente l'uso del vecchio rito, il cardinale Castrillˇn ha utilizzato una citazione presa dai testi del Vaticano II: "La Santa Madre Chiesa considera con uguale diritto e onore tutti i riti legalmente riconosciuti e vuole che in avvenire essi siano conservati e in ogni modo incrementati". In realtÓ, a ben guardare, quella citazione conciliare si riferiva agli altri riti, diversi dal rito romano, come ad esempio il rito ambrosiano, il mozarabico, il bizantino, il siro-malabarese, etc. Va detto infatti che il rito romano in quanto tale Ŕ quello attualmente in vigore nell'Ordo Missae e dunque il messale di san Pio V rappresenta soltanto una fase antica dello stesso rito, nonostante tanti siano stati i cambiamenti. Va per˛ aggiunto che l'uso dell'Ordo Missae di san Pio V Ŕ stato concesso dal Papa alla comunitÓ dei lefebvriani di Campos, in Brasile, da poco ritornata nella comunione con Roma.

Dunque l'autoritÓ superiore ha nei fatti sancito che quel messale pu˛ essere in alcuni specifici casi ancora in vigore.

Nell'omelia, il cardinale ha toccato, seppur indirettamente, il tema delle difficoltÓ incontrate dai tradizionalisti a causa dei divieti di alcuni vescovi. La ha fatto citando il Papa: "So che sieta immensamente grati al Santo Padre - ha detto - per l'invito rivolto ai vescovi di tutto il mondo 'ad avere una comprensione e un'attenzione pastorale rinnovata per i fedeli legati all'antico rito'". Un passaggio interessante dell'omelia di Castrillˇn Ŕ stato quello dedicato alla citazione di sant'Agostino: In necessariis unitas, in dubiis libertas, in omnibus caritas ("unitÓ nelle cose essenziali, libertÓ in quelle dubbie, caritÓ in tutto").

I fedeli riuniti nella Basilica, il 24 maggio, era circa duemila, provenienti da tutt'Italia e anche dall'estero.

Presenziavano al rito anche alcuni cardinali, come gli americani Bernard Law e William Baum, l'austriaco Alfons Maria Stickler, il cileno Jorge Arturo Medina Estevez. Prima della messa, Ŕ stato recitato il Rosario secondo le intenzioni del Papa (ma non nella nuova forma da lui proposta nella lettera Rosarium Virginis Mariae).

"Il nostro obiettivo Ŕ stato quello di 'sdoganare' definitivamente quella parte di fedeli cattolici che ha una sensibilitÓ liturgica legata al vecchio rito - ha detto alessandro Zangrando, presidente della sezione veneziana di 'Una Voce', uno degli organizzatori -. ╚ stata un'occasione per dimostrare una volta di pi¨ che il nostro unico obiettivo Ŕ quello di conservare un tesoro inestimabile della Chiesa".

C'Ŕ dunque da sperare che in futuro i tradizionalisti siano accolti con maggiore benevolenza, e nonostante alcune rigiditÓ e schematismi di cui spesso sono vittime, siano per lo meno trattati con la stessa apertura con la quale oggi nella Chiesa si guarda ai "fratelli separati" delle altre chiese e confessioni cristiane.

 

da "Il Timone" n░ 26, luglio-agosto 2003, pp. 12-13

 

 

LINK UTILI

Storie di messe negate

 

 

 

Inizio Pagina


Chi siamo | Agenda | Messe | Calendario | Documenti | Liturgia | Dottrina | Sollemnia | Libri | Rassegna stampa | Archivio | Link | Email | Home


Inserito l'11 agosto 2003

ę 2001-2007 Coordinamento di Una Voce delle Venezie. All Rights Reserved.