Home

Chi siamo

Agenda

Messe

Calendario

Documenti

Liturgia

Dottrina

Sollemnia

Libri

Rassegna stampa

Archivio

Link

Contatto

Messe latine antiche nelle Venezie
Venezia | Belluno | Bolzano | Chioggia | Gorizia | Padova | Pordenone | Rovigo | Trento | Treviso | Trieste | Udine | Verona | VicenzaVittorio Veneto

 

 

Messe tridentine nelle Venezie

Belluno

 

 

 

 

Chiesa di S. Stefano, Cappella dell'Addolorata

Piazza omonima, Belluno

Messa tridentina
ogni domenica e festa di precetto
alle 8

Contatto:
email daniele.trabucco@alice.it

 

 

 

  La storia 

marzo 2013
La celebrazione della messa tridentina è stata trasferita alla chiesa di S. Stefano nella piazza omonima in centro a Belluno, e avviene all'altare della Cappella dell'Addolorata sempre alle ore 8. Il trasferimento è avvenuto su richiesta dei fedeli, avanzata da tempo a causa della mancanza di riscaldamento nella stagione invernale alla chiesa dei SS. Filippo e Giacomo di Mussoi. La scelta è caduta sulla cappella ove si conserva l'immagine della Vergine Addolorata, molto venerata in città, dopo che varie chiese erano state considerate, come S. Pietro al Seminario Gregoriano e S. Rocco in piazza Martiri.

 

 

1° ottobre 2009
L'orario di inizio della messa tridentina a Mussoi è stato posticipato alle ore 8 a. m.

 

8 marzo 2009
Il vescovo di Belluno ha dichiarato che "ogni domenica mattina alle 7.30 vi si celebrerà il rito in latino", nella chiesa dei SS. Filippo e Giacomo a Mussoi presso Belluno, riaperta dopo i restauri, come è riferito dal Gazzettino del 2 marzo 2009. La prima messa è stata domenica 8 marzo 2009. I fedeli richiedenti sperano che sarà questa la sospirata applicazione del Motu proprio Summorum Pontificum.

 

 

31 ottobre 2008 - Soppressa la messa a Sedico. Proteste dei fedeli
A ottobre la messa è stata soppressa.

 

6 luglio 2008 - Prima messa tridentina a Villa di Sedico
Il 2 luglio 2008 Una Voce delle Venezie, dopo quasi otto anni, ha potuto annunciare che domenica 6 luglio 2008 alle 8:30 nella chiesa di Villa a Sedico sarà celebrata la prima messa tridentina in diocesi di Belluno.

 

 

31 dicembre 2007 - Nuova richiesta dei fedeli. Lettera del vicario generale
Dopo l'entrata in vigore del Motu proprio Summorum Pontificum di papa Benedetto XVI, un gruppo di fedeli della diocesi di Belluno (oltre una cinquantina) hanno chiesto formalmente che in una chiesa cittadina vi sia la celebrazione della messa in rito romano antico, in applicazione del motu proprio e secondo la volontà del Santo Padre, le domeniche e le feste di precetto. In data 17 dicembre 2007, il vicario generale di mons. Vescovo, per suo mandato, ha inviato al rappresentante di questi fedeli Mirco Rabini, delegato di Una Voce a Belluno, una lettera in cui afferma che "in ossequio rispettoso e totale a quanto stabilito nella Lettera Apostolica motu proprio data Summorum Pontificum, La invito, qualora ricorressero le condizioni stabilite dall'art. 5 § 1, a rivolgersi fiducioso al Suo parroco". Da allora si attende che le celebrazioni della messa antica possano avere inizio.

 

30 maggio 2004 - Nessuna risposta da mons. Savio. Mons. Giuseppe Andrich nuovo vescovo
Non vi è stata risposta. Mons. Savio è defunto il 31 marzo 2004 a Belluno, stroncato da un male incurabile. Il tempo è scaduto. I cristiani di Belluno potranno rivolgersi al successore. Il 29 maggio 2004 papa Giovanni Paolo II eleggeva vescovo di Belluno-Feltre mons. Giuseppe Andrich.

 

 

6 aprile 2001 - Udienza con il nuovo vescovo mons. Vincenzo Savio
Poiché, proprio negli ultimi giorni del 2000, il vescovo di Belluno-Feltre mons. Brollo lasciava la diocesi per prendere possesso della Metropolitana di Udine, i fedeli si rivolgevano al nuovo pastore S. E. Vincenzo Savio, sdb, chiedendo di essere ricevuti in udienza. L'udienza aveva luogo il giorno 6 aprile 2001: mons. Savio si riservava di dare in seguito la risposta.

 

 

31 dicembre 2000 - Petizione al vescovo di Belluno-Feltre per la messa tridentina in diocesi
Il 28 dicembre 2000 un gruppo di fedeli della diocesi di Belluno-Feltre hanno presentato al vescovo una petizione per poter assistere alla messa antica, celebrata con il messale del 1962, nella città di Belluno tutte le domeniche e feste di precetto, come avviene in tutto il mondo, e anche in Italia, con il permesso del Santo Padre. Ecco il testo della petizione:

Eccellenza,
il Santo Padre Giovanni Paolo II nel Motu proprio Ecclesia Dei del 2 luglio 1988 (AAS 80, 1988, p. 1498) ha stabilito che sia 'ovunque rispettato l’animo di tutti coloro che si sentono legati alla tradizione liturgica latina, mediante un'ampia e generosa applicazione delle direttive già da tempo emanate dalla Sede apostolica per l’uso del Messale Romano del 1962' (n. 6c), chiedendo che alla sua volontà si associno quelle dei vescovi e di tutti quelli che svolgono nella Chiesa il ministero pastorale (n. 5c).
Anche di recente il Sommo Pontefice ha ribadito tale volontà, invitando fraternamente i vescovi 'ad avere una comprensione e un'attenzione pastorale rinnovata per i fedeli legati all'antico rito e, alle soglie del terzo millennio, ad aiutare tutti i cattolici a vivere la celebrazione dei santi misteri con una devozione che sia un vero alimento per la loro vita spirituale' (Discorso ai membri della Fraternitas Sacerdotalis Sancti Petri nel decimo anniversario del Motu proprio Ecclesia Dei, 26 ottobre 1998, in 'L'Osservatore Romano' 26-27 ottobre 1998, p. 8).
I sottoscritti cristiani aderiscono a tutto ciò secondo le intenzioni del Santo Padre, e desiderano poter partecipare in diocesi alla santa messa celebrata secondo l'antico rito romano, con il Missale Romanum ed. typica 1962, come già da tempo avviene in numerose diocesi delle Venezie (quali il patriarcato di Venezia, le archidiocesi di Udine e Gorizia, le diocesi di Padova, Verona, Treviso, Trieste, Concordia-Pordenone) e in varie città d'Italia (Roma, Milano, Torino, Genova, Firenze e altre). Essi lo desiderano per poter coltivare in questa messa la propria devozione, e viverne la particolare spiritualità, cui si sentono strettamente legati in forza della tradizione.
Pertanto, anche a norma della Lettera circolare Quattuor abhinc annos della Congregazione per il culto divino del 3 ottobre 1984 (AAS 76, 1984, pp. 1088 ss.),

c h i e d o n o

che gli venga concesso l’uso del Messale Romano del 1962 le domeniche e le feste di precetto, oltre che in occasione di ricorrenze particolarmente care alla devozione dei cristiani, da concordarsi con il celebrante.
Con devota osservanza

Belluno, 28 dicembre 2000

(seguono 126 firme)

 

 

News

Riparte la Messa latina antica a Belluno, ogni domenica e festa di precetto, presso la chiesa dei SS. Filippo e Giacomo, in contrada Mussoi

Una porta di cristallo dal Lions per la chiesa dei Frati dove la domenica mattina si celebrerà la messa in latino (Il Gazzettino, 2 marzo 2009). Belluno, Motu proprio by night?

2008

Messa tridentina, l'unica chiesa chiude per lavori (Il Gazzettino, 3 ottobre 2008). Scandalo a Belluno

Messa tridentina a Belluno: appena cominciata già finita?

Finalmente la messa tridentina a Belluno: 6 luglio 2008 alle 8:30 nella chiesa di Villa a Sedico

Prima messa tridentina nella diocesi di Belluno-Feltre. Conferenza stampa di Una Voce il 2 luglio 2008

Il vescovo risponde dalla lettera dell’Associazione "Una Voce" che vuole salvaguardare il rito tridentino (Il Gazzettino, 9 gennaio 2008)

Comunicato della Delegazione di Belluno del Coordinamento di Una Voce delle Venezie - Conferenza stampa l'8 gennaio 2008

2007

Belluno. Una Voce chiede una chiesa per il ritorno della messa in latino (Il Gazzettino, 30 novembre 2007). Ma quale bolla?

2006

Nominati i nuovi vescovi di Belluno e Rovigo

2004

Mons. Vincenzo Savio si è spento (Il Gazzettino, 1° aprile 2004)

2002

Emozione a Belluno: mons. Savio ricoverato a Milano per una chemioterapia (Corriere del Veneto, 15 novembre 2002

A Belluno negata la messa in latino (Il Giornale, 13 marzo 2002)

2001

Delegazione dal vescovo per la messa in latino, (Corriere delle Alpi, 6 aprile 2001)

I sostenitori della messa in latino. Oggi udienza (Il Gazzettino, 6 aprile 2001)

Richiesta della messa antica ai vescovi di Vittorio Veneto e Belluno-Feltre (Instaurare 1-2/2001)

 

 

 

Inizio Pagina


Pagina aggiornata il 31 ottobre 2014

© 2001 - 2014  Coordinamento di Una Voce delle Venezie. All Rights Reserved.