Messe latine antiche nelle Venezie
Venezia
| Belluno | Bolzano | Gorizia | Mantova | Padova | Pordenone | Treviso | Trieste | Udine | Verona | VicenzaVittorio Veneto

 

 

Card. Castrillˇn Hoyos: "Il rito di san Pio V non Ŕ mai stato escluso dalla vita della Chiesa"

 

In una intervista comparsa sull'agenzia I.Media (Les nÚgociations avec la FraternitÚ saint Pie X vont continuer, selon le cardinal Castrillon Hoyos, in I.Media, 21 settembre 2006), il card. DarÝo Castrillˇn Hoyos, presidente della Commissione Ecclesia Dei, interrogato sulla recente erezione dell'Istituto del Buon Pastore e sulle sue ripercussioni sui rapporti tra Santa Sede e FraternitÓ San Pio X, nonchÚ sul significato della concessione a questa nuova societÓ di vita apostolica di diritto pontificio del rito romano antico come suo rito proprio, ha dato le seguenti risposte:

 

I.Media: Questo gesto (la fondazione dell'Istituto del Buon Pastore, N.d.R.) non ha messo in pericolo le trattative con la FraternitÓ San Pio X? Card. Castrillˇn Hoyos: Non vedo la logica di questa domanda. PerchÚ un gesto come l’erezione dell'Istituto del Buon Pastore, compiuto sotto il segno della riconciliazione e del ristabilimento di una piena comunione con la Chiesa, metterebbe in discussione un altro processo, che anch’esso dovrebbe essere compiuto con il segno della riconciliazione e della piena comunione? ... I.Media: La messa di san Pio V sembra rafforzata come forma straordinaria del rito romano. ╚ cosý? Card. Castrillˇn Hoyos: Anche questa domanda mi sembra andare oltre la realtÓ dei fatti... Il rito di san Pio V non Ŕ mai stato escluso dalla vita della Chiesa, ed Ŕ per questo che il rito antico Ŕ stato dato a questo Istituto come rito proprio, tanto ai suoi membri, quanto ai fedeli che lo frequentano (l’Istituto), quanto a molte altre realtÓ ecclesiali.

 

Il Cardinale sembra prospettare sviluppi positivi su tutte le questioni poste. Riteniamo che al di lÓ dei problemi relativi alla posizione canonica di singoli sacerdoti o congregazioni, seppure di dimensioni e importanza ben differenti tra di loro, si ponga il problema generale di come i fedeli possano partecipare effettivamente al rito di san Pio V che - cosý il card. Castrillˇn - "non Ŕ mai stato escluso dalla vita della Chiesa". Ora una cosa Ŕ certa, se non Ŕ stato escluso non Ŕ accettabile che questo rito sia negato o limitato solo per la contraria volontÓ di chi esercita nella Chiesa il ministero pastorale.

 

DOCUMENTI

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

Inizio Pagina


Chi siamo | Agenda | Messe | Calendario | Documenti | Liturgia | Dottrina | Sollemnia | Libri | Rassegna stampa | Archivio | Link | Email | Home


Inserito il 26 settembre 2006

ę 2001-2006 Coordinamento di Una Voce delle Venezie. All Rights Reserved.