Messe latine antiche nelle Venezie
Venezia | Belluno | Bergamo | Bolzano | Gorizia | Mantova | Padova | Pordenone | Treviso | Trieste | Udine | Verona | VicenzaVittorio Veneto

 

 

Castrillˇn Hoyos: FraternitÓ San Pio X,
"non si pu˛ dire che ci sia uno scisma"

Interessanti le dichiarazioni del card. Castrillˇn Hoyos in questa intervista su Canale 5 domenica 13 novembre, in particolare sulla questione dello scisma. Ci sembra che se il Cardinale, come del resto giÓ in altre interviste, non parla della c.d. liberalizzazione della messa, questo non significa che ne smentisca la concreta possibilitÓ.

___________________

Trasmessa da Canale 5 il 13 novembre 2005

Intervista con il cardinale
DarÝo Castrillˇn Hoyos

 

La messa antica in latino: suggestiva, ma anche fonte di dispute. Oggi per celebrarla pubblicamente occorre il permesso del vescovo locale, ma da mesi circola voce che Benedetto XVI possa deciderne la liberalizzazione. La voce insistente non trova per˛ conferma nelle parole del cardinale Dario Castrillon Hoyos, prefetto della Congregazione per il clero, gran tessitore del dialogo con i gruppi tradizionalisti, a cominciare dalla FraternitÓ san Pio X che raccoglie i seguaci di monsignor Lefebvre.

Sonoro Castrillon: "╚ sempre cosý. Il vescovo Ŕ il responsabile. Il vescovo pensa che per la sua diocesi questo Ŕ conveniente in un determinato momento o che non conviene per ragioni pastorali che lui conosce e delle quali dovrÓ dar conto all'autoritÓ del Papa, ma specialmente a Ges¨, a Dio".

Dunque, insieme la riaffermazione dell'autoritÓ dei vescovi, ma anche un richiamo alla loro coscienza per evitare rigiditÓ inutili e contribuire alla lunga marcia di riavvicinamento con i lefebvriani, intrapresa giÓ sotto il pontificato di Giovanni Paolo II che nel 1988 aveva scomunicato il vescovo francese per aver effettuato illecitamente quattro ordinazioni episcopali. Un dialogo che sembra aver trovato un nuovo slancio con l'incontro l'estate scorsa a Castel Gandolfo tra Bendetto XVI ed il superiore della San Pio X Mons. Fellay.

Sonoro Castrillon: "Non siamo di fronte ad una eresia. Non si pu˛ dire in termini corretti, esatti, precisi che ci sia uno scisma. C'Ŕ una attitudine scismatica nel consacrare vescovi senza il mandato pontificio. Loro sono dentro la Chiesa, solo che manca una piena, una pi¨ perfetta - come Ŕ stato detto nell'incontro con monsignor Fellay - una pi¨ piena comunione, perchŔ c'Ŕ la comunione".

 

intervista trasmessa su Canale 5 domenica 13 novembre 2005

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

Inizio Pagina


Chi siamo | Agenda | Messe | Calendario | Documenti | Liturgia | Dottrina | Sollemnia | Libri | Rassegna stampa | Archivio | Link | Email | Home


Inserito il 18 novembre 2005

ę 2001-2009 Coordinamento di Una Voce delle Venezie. All Rights Reserved.